La scarpinata sul Monte Grappa

I collegiali, penultimo giorno di scuola, in pellegrinaggio a piedi sul “monte sacro”
“Grande e maestosa èe’ la terra, o Signore, con i suoi monti…mari…fiumi…”
“Il Prof. Parolin è un ottimo camminatore ( e buon ciclista, anche se esagera un po’ quando esalta le sue imprese con la bici). Tre anni fa i ragazzi sfidarono il Professore : ” Visto che ci parla spesso di questo Monte Grappa, ci porti lassù, e vedrà che non siamo quei polentoni che volentieri ci qualifica.” Così nacque la “scarpinata sul Monte Grappa”.
Anche quest’anno tutti a piedi, eccetto gli infortunati, siamo arrivati lassù, per “stretti e irti sentieri”, arrancando e sbuffando per via del fiato corto dei fumatori e dei “pesi massimi”, sudando un po’ per i più snelli e atletici.
Toccata la cima, accanto all’”Ossario” abbiamo ascoltato rievocazioni belliche, meditato e pregato; poi abbiamo gustate le splendide panoramiche e rimessi a nuovo i polmoni con l’aria fresca che ci accarezzava; e, finalmente, ci siamo abbondantemente ristorati.
Con canti e spensieratezze varie abbiamo ripreso la via del ritorno.”
Michele