I TESTI DEL MESE

Nelle classi quara e quinta della primaria vengonono scelti e pubblicati periodicamente i migliori testi degli alunni.

LA MIA CAMERETTA 

La mia camera è grande, bella e la condivido con mia sorella Arianna.

Prima di entrare, appeso al manico della porta, c’è un cuore rosa fatto di seta, velluto e raso.

Quando si entra alla sinistra c’è una poltrona dove io e Arianna teniamo degli orsetti.

In centro alla camera c’è un grande letto matrimoniale.

Il letto è di legno bianco con la testiera di pelle color rosa cipria.

Ai lati del letto ci sono due comodini. Io sul mio ci tengo nella parte sopra: al lato destro il salvadanaio, vicino il cofanetto che mi ha regalato Giada al mio compleanno, davanti c’è la radio sveglia e nel lato sinistro si trova la lampada.

Sotto ci sono due cassetti dove io ci metto i calzini e le canottiere. Nell’altro comodino, quello di Arianna, c’è il salvadanaio e vicino un abagiure. Sotto c’è una mensola dove Arianna tiene dei libri di favole e un cassetto con i calzini. I comodini sono in legno bianco come il letto.

Di fronte al letto c’è il comò bianco con tre cassetti. Sopra al comò teniamo: nel lato destro una bambola in ceramica, vicino ci sono dei giocattoli che Arianna utilizzava quando era piccola, accanto c’è un carion a forma di campanella; nel lato sinistro quello vicino alla porta c’è un cuscino piccolo e bianco con scritto in rosa:”La Principessa dorme qui non disturbare!” Nel primo cassetto del comò ci sono: i costumi miei e di Arianna e i nostri pigiami. Nel secondo cassetto ci sono i vestiti di Arianna e nel terzo i miei.

Vicino al lato destro del comò c’è Titty il canarino appendiabiti e vicino a Titty ci sono delle finestre grandi che illuminano molto bene la stanza, hanno delle tende color bianco avorio.

Tra tutti questi mobili è appeso uno specchio con la cornice argento, io e Arianna ci specchiamo molto spesso.

E’ una camera bellissima però io e Arianna speriamo che quando saremo un po’ più grandi la mamma ci compri due letti singoli.

VANESSA

 

LA MIA GATTINA BELLA!!!!!!!

La gattina di mia zia si chiama BELLA, ha qualche mese perchè è da poco che lei vive qui. Bella la abbiamo trovata in un parco a ROSSANO, era impaurita e ho sentito dire che ha fatto il giro di tutte le case di via Bessica per trovare un padrone che le volesse bene. Arrivata in casa della zia, Bella aveva male agli occhi quindi la zia, che è dottoressa, le ha fatto impacchi di acqua borica. All’ inizio la zia le aveva creato un posticino comodo e lei si divertiva a saltare e balzare sui tronchi degli alberi con me e mio fratello Andrea, noi la posizionavamosui tronchi perchè lei aveva bisogno di qualcuno che la aiutasse. Qando era il momento di sceglierle il nome la maggioranza ha fatto sì che la gattina si chiamasse Bella, diciamo che questa gattina è un pò di tutta la via. Ora Bella è un pò cambiata da quando era piccola : i suoi occhi ti incantano, sono verdi striati con giallo ed hanno la forma a mondorla; il suo nasino è nero come il catrame, è sempre stato un pò umidiccio ma ultimamente starnutisce. I suoi baffi sono lucidi e lunghi, bianchi come la neve, se gliene strappi uno ti graffia; ha la bocca piccola piccola e i canini ben appuntiti, ha due oecchie piccole all’insù, ha un udito molto acuto perchè sente in lontananza quando io e Andrea siamo in giardino a giocare, oppure quando io e Andrea la vogliamo prendere per coccolarla lei ci sente, aspetta che le andiamo vicino e corre più veloce di “un puma”. Lei è di media grandezza e il suo pelo è striato, nero e grigio come il fumo;la coda è sempre in movimento ed è più nera che grigia. Lei è molto permalosa, è agile e saltatrice, perchè in casa salta dal divano al tavolo e anche perchè in giardino si arrampica con molta agilità. E’ paziente perchè ogni giorno aspetta comoda sul tappeto che arrivi mio zio Mario, e quando arriva fa come un mezzo sorriso e secondo me pensa:”E’ tornato il mio amicone! Evviva!!!!!”. Bella è una grande coccolona, è un pregio che ha fin da piccola ma si fa desiderare : tu la guardi e la insegui, lei scappa e se non la guardi lei ti insegue, ti coccola, tu ti siedi e lei ti sta comodamente accoccolata sopra di te. Bella è giocherellona perchè con ogni cosa che ha la forma di palla, suona o è allungata lei ci gioca, gioca persino con le piante: con una zampetta tocca le foglie e poi scappa, dopo un pò ritorna e fa lo stesso con i fiori e i rametti.E’ una curiosona un giorno è entrata nella borsa della zia Maria e si è gentilmente autoinvitatana distendersi ed ad accoccolarsi sul suo scialle preferito: a fiori tutto color arancio e rosa. E’ molto furba, un giorno io, la nonna e Andrea avevamo fatto una casetta di cartone per metterci dentro le macchine giocattolo e lei quella notte ha dormito nella casetta di cartone. Dentro casa salta,corre, gioca ma senza esagerare, fuori casa fa praticamente di tutto: si arrampica sugli alberi…..In caso di FAMEti morsica e noi gli portiamo da mangiare, un giorno ero fuori e mi è caduto un pezzo di crostata e indovinate chi se lo è pappato?

BELLA!

Bella è sempre attiva, è socievole con tutti tranne i cani. Lei è un gattino che non scambierei per nulla al MONDO!!!!!!!!!!

SOFIA

 

“La mia gattina Batuffolo

 La mia gattina Battufolo è molto piccola, ha solo un anno. La mia mamma l’ha trovata tutta sola sul ciglio della strada, allora ha deciso di portarla a casa. Era tutta sporca di fango, subito mia mamma ha pensato che fosse brutta. Mia mamma, arrivati a casa, le ha fatto il bagnetto, ora il pelo è diventato bianco tigrato di marrone: è bellissima. Le orecchie sono marroni, gli occhioni celesti sono tondi, ha un nasino tutto umidiccio, quando lo tocco mi sembra di toccare una rana. È di corporatura media, ha le zampine tutta bianche, ma ogni volta che esce in giardino se le sporca tutte così poi dobbiamo lavarle. Batuffolo è giocherellona, quando gli tiriamo un gomitolo di lana corre subito a prenderlo, poi una volta preso nessuno può più prenderglielo. Finito di giocare si sdraia sul divano e dorme per quasi due ore, quando si sveglia è molto vivace perché graffia qualunque persona che si avvicini, allora mia mamma le dà da mangiare il suo cibo preferito. Quando ha finito di mangiare torna la gattina più buona del mondo, è molto simpatica perché fa le fusa. Quando torno da scuola sale sulle mie spalle e io non riesco più a farla scendere, a volte faccio anche i compiti con lei. È la gattina più bella e simpatica del mondo!!!!!!!

Camilla

 

IL MIO GATTO WOLFI

Il mio gatto si chiama Wolfi. L’ho ricevuto per il mio compleanno da mio nonno Franco. Wolfi ha circa quattro anni. Ha il pelo grigio, il muso di un rosa intenso, le orecchie marroni, le pupille azzurre con delle sfumature marroni , i baffi sono molto lunghi e di corporatura è normale. In casa ,quando ha fame , si paralizza davanti al frigorifero e se io sto prendendo qualcosa miagola . Wolfi ha molto appetito perché ogni cosa che trova nella sua ciotola se lo gusta velocemente. Wolfi è molto giocherellone e io mi diverto a giocare con lui perché gli lancio un gomitolo di lana e lui si diverte a srotolarlo e a spostarlo con la zampa. Wolfi è un grande dormiglione, perché quando ha sonno dorme dove gli capita ad esempio sulle scale, sul divano e nella sua cesta. Quando sente un piccolo rumore, all’improvviso drizza le orecchie e se sente un sibilo di un serpente, il giorno dopo mi porta i resti di questo animale. Wolfi è molto affettuoso perché si fa coccolare.

                                                                   Mirko

 

GITA A TORINO

Venerdì 7 e sabato 8 Febbraio noi alunni di classe quarta con i nostri genitori siamo andati con il pullman a Torino per vedere il Museo Egizio.

Siamo partiti alle sei di mattina,il viaggio è durato sei ore. Appena arrivati a Torino ci siamo indirizzati verso il Museo.

Entrati al Museo abbiamo conosciuto la nostra guida che si chiama Enrica.

Abbiamo visto vari oggetti dell’Antico Regno ad esempio sandali, sarcofagi di legno decorati con gli occhi di Horus, vasi canopi.

Nel Medio Regno c’ erano tessuti grandi fatti di lino perchè era un materiale che teneva fresco e il libro dei morti nel quale c’era scritto il procedimento che faceva l’anima del defunto per passare all’ aldilà e, sul libro dei morti, c’erano anche scritte delle preghiere del defunto.

Siamo saliti al piano superiore dove si parlava de Nuovo Regno: abbiamo visto la tomba di Kha e di sua moglie, una parrucca di Marit, un letto fatto con legno e corde e il cibo che mangiavano.

Finita la visita guidata mentre aspettavamo di fare il laboratorio siamo andati in un negozio nel quale si potevano acquistare dei gadget.

Successivamente la guida ci ha accompagnato nella stanza in cui dovevamo fare il laboratorio.

Lo scopo era di costruire il tempio di Horus e ci siamo divisi i due squadre:la squadra di Anubi e quella di Amon-Ra.

La guida proiettava alla lavagne delle domande con quattro opzioni e le due squadre dovevano rispondere. Chi rispondeva giusto costruiva un pezzo del tempio di Horus. Alla fine ha vinto la squadra di Anubi.

Siamo ritornati in pullman e andati in albergo.

La mattina seguente, dopo colazione, abbiamo fatto i bagagli e abbiamo visitato una parte del centro di Torino. La nostra guida si chiamava Andrea. Ci ha informato sulle cinque specialità di Torino: la cioccolata calda, il vino Barolo, i grissini, il “Bicerin” e i Gianduiotti. Abbiamo visto il Palazzo Madama, Palazzo Reale, la Cattedrale di Torino in cui siamo anche entrati e abbiamo visto la teca che che conserva la Sacra Sindone. Abbiamo visitato anche il Palazzo Carignano che è stato la prima sede del Parlamento.

Finita la visita guidata con Andrea siamo andati al bar a mangiare qualcosa, dopo siamo andati alla Mole Antonelliana in cui abbiamo visto il Museo del Cinema. Purtroppo non siamo andati sull’ascensore perchè c’era troppa coda. Se salivamo sull’ascensore potevamo vedere un bellissimo panorama.

Alle 16:30, entrati in pullman, siamo partiti per casa e arrivati alle 22:30. mi è piaciuta molto questa gita e la cosa che mi è piaciuta di più è stato il museo del cinema perchè è molto tecnologico.

Alessandro