LE RUBRICHE DELLE QUINTA

PER RINFRESCARE LO SPIRITO

(adoro i ventilatori)

NOTIZIA IN PRIMA PAGINA

Fabbrica di carta igienica va a rotoli.

Nuova lavatrice lanciata sul mercato: cinque feriti e un morto!!!!

MAL DI TESTA

-Dottore, dottore!!!!!!!! Mi esplode la testa!!!!!!!!!!

-Presto tutti fuori, TUTTI FUORI!!!!!!!!!!!!

BRUTTI VOTI

Pierino rivolto alla maestra:

-Signora maestra, non credo di essermi meritato zero nel compito di geometria!

-Nemmeno io lo credo, ma purtroppo voti più bassi non esistono!!!

IDEE POLIZESCHE

Che cosa fanno 19 carabinieri al cinema??

Vanno a vedere un film per i minori di 18!

 Stefano e Antonio

LE AVVENTURE DI TONINO

Di ritorno da scuola, Tonino entra in casa tutto orgoglioso e dice al padre:
“Papà, papà! Oggi ho impedito a Gianni di fare uno scherzo alla maestra! Aveva messo una puntina da disegno sulla sedia!”
“Bravo” gli risponde il padre “E come hai fatto?”
“Semplice: quando ho visto che la maestra si sedeva le ho tolto la sedia di sotto!”

 

“Cosa hanno in comune la scuola e i filetti di pesce?”
“Tutti e due sono buoni se marinati…”

La maestra sta cercando di spiegare l’analisi logica ai suoi alunni: “Allora ditemi, nella frase ‘Il chirurgo opera il malato’ dove si trova il soggetto?”
“All’ospedale!”

 All’asilo due bambini molto timidi giocano vicini ,ma non si dicono una parola. Alla fine la bambina si fa coraggio e per attaccare il discorso dice: “Io mi chiamo Marta e tu?” L’altro bambino arrossisce e subito risponde: “Io no!”

In classe la maestra interroga.
– Tonino, sapresti dirmi qual è il monte più importante d’Italia?
– Sì signora maestra, è il monte premi del Totocalcio!

ANDREA MATTEO E LEO

IL GRUPPO JONES E LE STATUE CINESI 

 

Laura sentì al telegiornale che le statue di terracotta in Cina erano state rubate tutte

insieme e andò a riferirlo ai suoi compagni di avventure.

  • E’ stupefacente- disse Sofia.

-Come si fa a rubare 8000 statue enormi in un solo colpo?!- chiese Niccolò.

-E’ proprio un mistero!- rispose Laura.

-Però come si fanno a nascondere?- chiese Denis.

-Hai ragione Denis, come si fa?- chiese Asya.

Niccolò propose di andarle a cercarle, presero i biglietti per l’ aereo e partirono.

Arrivarono a Pechino e subito presero un taxi e si fecero portare alla muraglia cinese.

Arrivati davanti all’ imponente muraglia, Sofia inciampò su un sasso e per poco non cadde: nell’ appoggiarsi al muro si scoprì una porta.

Entrammo ignorando dove portava: alla fine del tunnel una luce illuminava una grande stanza.

Le trovammo lì: erano le imponenti statue di terracotta, purtroppo erano sorvegliate da delle guardie.

-Qui qualcosa non quadra!- disse Asya.

-Secondo me qui sta iniziando un rito per risvegliare le statue. – disse Denis.

-Perché non ci caliamo dall’ alto e impediamo che cominci il rito- propose Laura; -E’ una bellissima idea rispose Niccolò.

Detto fatto: si calarono silenziosamente e si nascosero dietro a delle statue:

– Cosa facciamo ora?- chiese Asya.

– Aspettiamo il momento giusto, poi attacchiamo – rispose Niccolò.

Dopo qualche minuto arrivò un uomo alto e magro, con una strana corona con delle pietre preziose incastonate.

Poi disse :

– Risvegliam statum percum conqustamum monos –

– Cosa ha detto?? – chiese sussurrando Laura.

– Risvegliamo le statue per conquistare il mondo- rispose Denis.

– Quindi vogliono conquistare il mondo- disse Sofia.

– Aspettate, non ha finito- disse Niccolò.

– Dios ebras cadras, ancas cattolis dios cadras pas semples, ancas deis indoeis croles, sol Maegsa diventas dios monos –

– Stavolta cosa ha detto? – chiese Asya.

– Il dio ebraico cadrà e quello cattolico farà la stessa fine, anche gli dei indiani crolleranno, solo Maegsa diventerà dio del mondo- rispose Denis.

– Chi è Maegsa?- chiese Niccolò.

– Era una dea della religione Shunu ed era,la dea della morte, l’unica dea: pensavo che questa religione fosse sparita ,ma mi sbagliavo- rispose Denis .

Quatti quatti si avvicinarono all’ altare: era molto affollato:

– Cosa facciamo?- chiese Sofia

– Dovremmo irrompere -disse Laura.

– Io chiamo la polizia- disse Niccolò.

– Ok –rispose Denis.

Mentre Niccolò corse a chiamare la polizia, gli altri si fecero vedere dai Shuniani: purtroppo si ricorse alle maniere forti.

Però fummo sconfitti e legati come salami:

– Sarest sacrifist as Maesgas- disse il sacerdote.

– Cosa ha detto ?- sussurrò Laura.

– Saremo sacrificati a Maesgas – rispose Denis.

– Cosa?!- disse Laura – oh no!!!!!!-

– Sofia, tu che sei vicina, ce la fai a prendere il taglierino dalla tasca ?- chiese Denis.

-Sì, ce la faccio – rispose Sofia.

Sofia passò il taglierino a Denis che si liberò e con la sua frusta si arrampicò su una trave:

– Tornerò con i rinforzi –sussurrò.

– OK – risposero

Denis scomparve.

Dopo pochi minuti tornò assieme a Niccolò e alla polizia cinese: il sacerdote venne arrestato con i seguaci e gli altri furono liberati.

– Finalmente non ne potevo più- disse Asya.

– Almeno le statue sono al loro posto- disse Sofia.

Missione compiuta!

A presto!!!!!!!

   LAURA E DENIS

GLI SPORTIATI DI SPORT APPASSIONATI

OGGI VI PARLEREMO DELLA

GINNASTICA ARTISTICA…

La nostra trave!!! Non è proprio così anzi è più bella!

DOPPIOTGINNASTA

Questa è la nostra “pedena” per il corpo libero!

 TRAMPOLINO

Questo invece è il nostro trampolino…  ELASTICO

GIULIA,OLIVIA E LEO