Scienze: la genetica in 2^ Innovazione

Esperienze di Scienze in 2° Liceo Innovazione

Giovedì 28 aprile, la classe seconda innovazione è stata coinvolta in una mattinata di lezione “con le mani in pasta” in una fantastica esperienza d’ aula proposta dalla professoressa Chioda riguardante la genetica.

Dopo studi e approfondimenti sull’argomento, per consolidare definitivamente i concetti la professoressa ci ha fatto portare in classe del “dido”, pasta morbida e colorata adatta alla creazione di modellini tridimensionali, per farci riprodurre dei singoli cromosomi, rappresentati tramite un bastoncino di due colori diversi (uno per compagno di banco, che rappresentasse il cromosoma di origine materna o paterna).

Con questi modellini abbiamo potuto concentrarci e sperimentare in prima persona cosa avviene durante la meiosi. Le coppie di cromosomi sono state successivamente da noi dotate di geni con due varianti (rappresentati da una pallina di colore diverso, contrassegnato a sua volta da una marcatura a tondo o a croce a seconda che fosse un allele dominante o recessivo).

Dopo aver completato la costruzione dei cromosomi; due corti e due lunghi per ragazzo, abbiamo tutti insieme, grazie all’interessato e al sentito aiuto della nostra prof, proceduto con lo scambio simulando prima la mitosi, poi la meiosi, e creando coppie di gameti. Abbiamo inoltre chiarito il concetto di “crossing-over” e di frequenza di ricombinazione genica, approfondendo anche questo difficile ma interessante processo, sempre emulandolo con i nostri modellini deformabili.

Possiamo dire che l’esperienza è andata a buon fine, grazie ad un interessamento generale e ad un impegno tenuto da tutti gli alunni della classe. Questo esperimento è stato di profondo aiuto per tutti noi ragazzi, dato che grazie all’ innovativa idea della nostra professoressa, siamo riusciti a chiarire i concetti precedentemente trattati e studiati.

Siamo decisamente contenti di prendere parte a questo genere di approfondimenti coinvolgenti, frequentando l’indirizzo “dell’innovazione” che si pone l’obiettivo di esplorare modi nuovi ed alternativi per insegnare e trasmettere i concetti scientifici del liceo, ringraziamo di cuore la nostra professoressa, che molto competentemente ha intuito e per prima interpretato il concetto di “apprendimento in prima persona” facendolo sperimentare alla classe con la sua appunto “ innovativa ” idea della rappresentazione tridimensionale  scientifica.

Zanon Vittorio, 2° innovazione.